Coloquintide

Il coloquintide (Citrullus colocynthis) è una pianta erbacea a lunghi steli rampicanti che si stendono al suolo, conosciuta da tutti coloro che sono stati almeno una volta nel Sahara per i suoi frutti caratteristici: spettacolari zucchette o meloncini sferici, di colore verde striato o giallo a seconda del grado di maturità.

Pianta mediterranea e saharo-arabica, colonizza i terreni sabbiosi e sabbio-argillosi, quindi di preferenza letti di oued e conche inondabili, ma lo si trova dappertutto, sul Sahara intero, perfettamente adattata al clima desertico. È un pascolo molto apprezzato dagli asini e dalle gazzelle, che traggono dai meloncini, prima che siano secchi, gran parte dell’acqua necessaria alla loro sopravvivenza, mentre gli altri animali lo evitano a causa del suo fortissimo gusto amaro (è per questo che non si mangiano gli intestini di gazzella).

Colocynth

La pianta è molto tossica perché contiene un potente alcaloide (responsabile del forte gusto amaro della zucchetta e dei semi) che le conferisce virtù medicinali ma la rende ugualmente pericolosa; viene utilizzato contro i morsi di serpente, in piccole dosi come purgante, in quantità maggiore è usato dalle donne per abortire; ma l’utilizzo più sorprendente è quello che ne fanno alcuni nomadi, in particolare i TUBU: i semi, raccolti in grande quantità e soprattutto nei periodi di carestia, bolliti numerose volte per eliminarne la tossicità e la forte amarezza, seccati e poi macinati, forniscono una farina nutriente consumata sottoforma di paste e gallette.

 

 

Dalla guida di Rocco Ravà "SAHARA" Ed. CLUP

Per maggiori informazioni

CONTATTACI

Via Capranica 16
20131 Milano, Italia
+39 02 70637138
+39 02 70637272
info@spazidavventura.com